INFORMACALCIO

ARTICOLI REGIONALI

USD OLIMPYA E IL TUNNEL DELLE SCONFITTE

9/4/2017
Sabato 08 Aprile 2017
Calcio Vigevano 1921 - U.S.D. Olimpya 2-0
Sembra che l’USD Olimpya sia entrata in un tunnel di sconfitte e non riesce ad uscirne fuori.
L’USD Olimpya ancora una volta gioca senza mai realizzare le palle gol create. L’Olimpya subito ad inizio gara fa capire al Vigevano che per i padroni di casa non sarà una passeggiata, anzi mostra agli avversari la loro forza sul piano di gioco atletico e fisico, nei primi 20” minuti della gara in campo esiste solamente l’Olimpya con i padroni di casa costretti a difendersi. L’USD mantiene i ritmi di gioco alti e sembra veramente che oggi potrebbe essere la fine di una serie negativa di risultati ma, al 21” minuto su un errore al centrocampo dell’Olimpya il Vigevano non si fa sfuggire l’occasione e si porta in vantaggio per 1 a 0. L’Olimpya cerca di chiudere il primo tempo in parità e continua a giocare mostrando di non essere inferiore a nessuno. Al 30° e 35° su contropiede il Vigevano ha due occasioni da gol ma trova il portiere e capitano della squadra dell’Olimpya in grande forma, si supera e para l’impossibile, due tiri quasi imparabili. L’Olimpya chiude il primo tempo in attacco ma va negli spogliatoi sotto di un gol. All’inizio del secondo tempo le squadre combattono al centrocampo e su un contropiede al 10” (2°T) l’arbitro non vede prima un fallo di punizione a favore dell’Olimpya e nella stessa occasione non vede che il giocatore del Vigevano si allunga il pallone con la mano destra e salta il difensore Roveda Marco, sembra quasi che l’attaccante voglia fare un cross ma il tiro si trasforma in un pallonetto imparabile per il portiere, è il 2 a 0 per il Vigevano. L’Olimpya non ci sta e cerca di accorciare le distanze per riaprire il discorso partita, su punizione battuta da Roveda Marco, il fratello gemello Carlo colpisce di testa il pallone sfiorando il palo, il pallone sembrava quasi dentro ma è fuori. L’Olimpya crea occasioni, Timpanaro sfugge al difensore sulla fascia destra, il cross rasoterra è insidioso, vede il portiere e il difensore non arrivare alla palla e per questione di millimetri Hysa Gerion non arriva sul pallone, poteva essere il possibile 1 a 2. Gli ultimi 20 minuti della gara vede in campo solamente l’Olimpya che cerca di tenere alto il ritmo di gioco, sembra che ormai il Vigevano ha esaurito tutte le forze ed è costretto ormai solamente a difendersi. La partita finisce 2 a 0 dove vede l’Olimpya in altre occasioni da gol non realizzare e si vede annullare un gol per fuorigioco molto dubbio anzi inesistente.
A fine gara il capitano della squadra dell’Olimpya Marullo Carmelo, peraltro uno dei migliori in campo insieme a Galeazzi, Toribio e Cattò commenta così il risultato “Abbiamo incontrato una squadra forte, forse la più forte di questo campionato però, inizio veramente a credere che siamo abbandonati dalla fortuna, un po’ per colpa degli errori arbitrali e un po’ per colpa nostra, sembra ormai che abbiamo paura di vincere le gare, è un vero peccato giocare bene e non portare il risultato a casa. I Dirigenti e i Mister credevano nella vittoria di oggi, a noi non resta altro che non mollare, di non arrenderci e continuare a credere in noi e nella squadra, dobbiamo uscire da questo tunnel prima possibile”. Suo padre a fine primo tempo ha abbandonato il campo ed è andato via, è successo qualche diverbio in panchina? Assolutamente no, in ogni caso all’Olimpya per me è il Mister e non mio padre, lui mi dice sempre che io sono come gli altri, non tollera che sui terreni di gioco lo chiamo papà, lui è il Mister e basta. Ci aveva comunque già detto che a fine del primo tempo sarebbe andato via per una riunione importante con la società, la partita doveva essere giocata alle 15:00 ed invece è stata posticipata alle ore 17:00, per questo motivo ci ha lasciato in anticipo. Lui è quello che insieme a noi credeva nelle nostre possibilità di vincere o quantomeno di giocare questa partita alla pari e aveva ragione, questa partita non meritavamo di perderla”. Ci può dire di che riunione si tratta? Io sono il Capitano della squadra, non sono il dirigente e neanche il Presidente della Società, questa domanda deve farla a lui e non a me.
Nelle ultime sei gare l’Olimpya ha incassato sei sconfitte. All’Olimpya auguriamo buona fortuna e che possa uscire dal tunnel delle sconfitte prima possibile.

Link